BiografiaTab titleImmagini
CATANA-_800px 
Diego Matheuz

Diego Matheuz appartiene alla prima generazione di musicisti eccezionali emersi da El Sistema, Venezuela. Con un’intensa carriera di direttore in Europa, Asia, Australia, America Latina e Nord America, si è affermato nel circuito internazionale. Già nel 2011, infatti, la rivista inglese Gramophone lo ha individuato come una delle dieci “Icone di domani”. A 35 anni, può già guardare indietro a periodi fruttuosi come direttore principale della Fenice di Venezia, direttore ospite principale – su invito di Claudio Abbado – dell’Orchestra Mozart di Bologna, e come direttore ospite principale della Melbourne Symphony Orchestra.

I suoi concerti più importanti con copertura mediatica internazionale includono due dei celebri Concerti di Capodanno della Fenice, trasmessi in tutto il mondo dalla RAI. La televisione nazionale tedesca ZDF ha trasmesso in diretta l’ECHO Klassik Gala 2016 con Diego Matheuz e la Konzerthausorchester Berlin con  Anna Netrebko, Olga Peretyatko e Philippe Jaroussky. Un momento particolarmente significativo per lui è stato il “Tokyo Gala Concert” che celebra il 120 ° anniversario della Deutsche Grammophon alla Suntory Hall nel dicembre 2018, che è stato pubblicato su CD poche settimane dopo. In questa occasione, Diego si è alternato con Seiji Ozawa e ha diretto la Saito Kinen Orchestra con Anne-Sophie Mutter in brani di Beethoven e Tchaikovsky.

La Filarmonica di Mosca ha trasmesso in streaming un Puccini-Gala con Sonya Yoncheva, Diego Matheuz e la Svetlanov Symphony Orchestra presso la Tchaikovsky Concert Hall nel novembre 2019 in diretta sul suo sito web e ha condiviso la trasmissione con Mezzo. Il suo successivo concerto con musiche di Mendelssohn, Glazunov e Berlioz si è svolto con l’NHK Symphony Orchestra e il violinista Nikita Boriso-Glebsky a Tokyo.

Su invito di Seiji Ozawa Diego si è esibito in tournée in Asia con la Saito Kinen Orchestra , oltre a dirigerlo ai Festival di Matsumoto 2018 e 2019. Questa collaborazione dovrebbe continuare regolarmente in futuro.

L’attività concertistica europea e nordamericana consiste in partnership con l’Orchestra di Santa Cecilia, Roma, l’Orchestra del Teatro alla Scala, Milano, la Mahler Chamber Orchestra, l’Orchestre de Chambre de Paris, l’Orchestre Philharmonique de Radio France, l’Orchestra Nazionale Spagnola, la BBC, la Philharmonia and Royal Philharmonic Orchestras, la Royal Liverpool Philharmonic, la Borusan Istanbul Philharmonic, la Israel Philharmonic, Los Angeles, La Filarmonica e le Orchestre Sinfoniche di Vancouver.

Diego si sente a suo agio in un ampio repertorio sinfonico da Mozart a Mahler, Bruckner o Shostakovich, Ginastera, Márquez e Marsalis. Trae ispirazione da un background come primo violino dell’Orchestra Sinfonica Simón Bolívar, dal suo insegnante di direzione José Antonio Abreu e dal suo mentore Claudio Abbado. L’approfondimento della sua comprensione della musica, della direzione e della tecnica dell’orchestra, tuttavia, e la ricerca della profondità nelle sue interpretazioni è un processo che continua ad esplorare, ad esempio con Mark Stringer a Vienna.

Come direttore d’opera, Diego ha lavorato sia alla Deutsche Oper che alla Staatsoper di Berlino, al Liceu di Barcellona, ​​al Palau des Arts, Valencia e, più recentemente, al Teatro São Carlos, Lisbona, al Maggio Musicale Fiorentino, al Rossini Festival Pesaro e al Teatro Regio di Torino. Nel gennaio 2020 è tornato alla Fenice per una serie di successi come Il Castello di Barbablu e A Hand of Bridge di Barber. Il suo recente debutto con Guillaume Tell di Rossini al Theater an der Wien lo ha subito riportato a Vienna per una nuova produzione di Norma con Asmik Grigorian. Debutterà al Met di New York nel febbraio 2021 con Carmen e un cast composto da Varduhi Abrahamyan e Roberto Alagna, mentre a giugno può essere ascoltato per la prima volta con Aida al Festival dell’Arena di Verona.

Inoltre, lavora con l’Orchestra Sinfonica Simón Bolívar, di cui è Direttore Principale. Con questa orchestra ha debuttato con la Nona Sinfonia di Beethoven in Colombia nel 2013 e in Messico nel 2016, dove hanno suonato all’Auditorio Nacional e un concerto all’aperto per più di tremila persone a Iztapalapa, con brani di compositori latinoamericani. Nel 2018, Diego Matheuz e il violinista Francesco Senese hanno fondato MACH, un progetto che fa parte del festival estivo internazionale “Musica sull’Acqua” a Colico, in Italia. Questo progetto consente agli studenti di tutto il mondo di ricevere lezioni gratuite, coaching e la possibilità di suonare insieme ai loro tutor, che sono musicisti esperti dell’Orchestra Mozart, Luzern Festival Orchestra, Simón Bolívar Symphony Orchestra, London Symphony Orchestra e altri.

Settembre 2020

[PDF]