Si lau­rea col mas­si­mo dei voti e la lode in Sto­ria del­la musi­ca all’Università “La Sapien­za” di Roma, discu­ten­do con Pier­lui­gi Petro­bel­li una tesi sul­la voca­li­tà teno­ri­le in Ver­di. Nel 1995 ini­zia a svol­ge­re segre­ta­ria­to per arti­sti qua­li Rober­to Scan­diuz­zi e Lucia­na d’Intino. Al 1998 risa­le la sua col­la­bo­ra­zio­ne con Alber­to Mir­ri, di cui diven­ta pre­sto socio e – alla sua pre­ma­tu­ra scom­par­sa — ere­de pro­fes­sio­na­le, assu­men­do la gui­da dell’agenzia che rap­pre­sen­ta­va arti­sti dal­le car­rie­re pre­sti­gio­se, tra i qua­li Sonia Ganas­si e Rober­to Fron­ta­li. Con que­sti e altri nuo­vi appor­ti nel 2001 fon­da All’Opera, una del­le real­tà più in vista del­la sce­na ope­ri­sti­ca ita­lia­na ed inter­na­zio­na­le. Nel 2011, for­te di que­sta posi­zio­ne, fon­da insie­me a Luca Tar­get­ti, Erne­sto Pala­cio e Andrea De Ami­ci la nuo­va InArt. Negli ulti­mi anni si è dedi­ca­to in par­ti­co­la­re alla sco­per­ta e al lan­cio di gio­va­ni talen­ti e all’approfondimento del nuo­vo lin­guag­gio del­la regia d’opera con­tem­po­ra­nea.