BiografiaRepertorioMediaImmagini
Matteo Peirone 11 
Matteo Peirone

Ha studiato canto con Franca Mattiucci, Paolo Montarsolo, Renata Scotto. Ha vinto numerosi Concorsi Lirici: tra questi spiccano l’ASLICO Milano e il Verdi di Parma.

Ha cantato nei principali teatri lirici italiani e stranieri evidenziandosi come interprete dei principali ruoli di Basso Buffo o brillante e in altri ruoli di carattere.

Costantemente invitato dal Teatro alla Scala di Milano, ha cantato sotto la direzione del Maestro R. Muti ne Le Nozze di Figaro sia a Milano che a Ravenna insieme ai Wiener Philarmoniker.

Intensa la sua attività all’estero: Barbican Hall di Londra, Teatro de la Bastille di Parigi, Opera du Rhin di Strasburgo, Montpellier, ABAO di Bilbao, Siviglia, Staatsoper di Dresda, Francoforte, Opera di Bonn, Bunka Kaikan Tokyo, Palm Beach Opera.

Ha inciso per la Decca il ruolo del Sacrestano nella Tosca diretta da Zubin Metha e con la TDK: La Bohéme della Scala e Xerses con les Talents Lyrique di Ch. Rousset.

Ha cantato il ruolo di Mamma Agata nella produzione di Viva la Mamma alla Semperoper di Dresda, Dulcamara ne’ L’Elisir d’amore a Tel Aviv, alla Palm Beach Opera House negli USA,al Regio di Parma, al Festival Donizettiano di Bergamo, Benoit/Alcindoro ne’ La Bohéme per l’anno pucciniano alla Scala, al Festival di Stresa e per il Festival MITO, il Sagrestano in Tosca al Maggio Musicale di Firenze, al San Carlo di Napoli, all’Opera di Roma, a Bilbao, a Siviglia, al Regio di Parma e all’Opera Bastille di Parigi.

Nel 2010 ha soggiornato a lungo in Giappone dove ha interpretato con grande successo il ruolo di Dulcamara ne’ L’Elisir d’Amore con il teatro Donizetti di Bergamo e Benoit/Alcindoro ne La Bohéme al Teatro Regio di Torino poi in tournée a Tokyo, Cina e Shanghai per l’Expo 2010.

Alla Palm Beach Opera House debutta nella primavera 2011 come Don Alfonso nel Così fan tutte di Mozart.

È l’interprete del ruolo di Sagrestano in Tosca presso l’Opera Bastille di Parigi e sotto la direzione di Gianandrea Noseda al Teatro Regio di Torino e al Festival di Verbier in diretta web mondiale.

Ha collaborato con alcuni dei più grandi registi (Miller, Ronconi, Vick, Zeffirelli) e direttori d’orchestra (Bartoletti, Dudamel, Metha, Muti, Noseda, Oren).

Intensa la sua attività come scrittore di spettacoli e interprete di concerti nei quali diffonde le “perle” del repertorio buffo italiano.

Tra i suoi impegni recenti e futuri: La Bohéme a Parigi, Amsterdam e Bari, Le nozze di Figaro a Torino, Bari e Amsterdam, Tosca e La Bohème al Teatro alla Scala e il Trittico a Roma e Londra diretto da Antonio Pappano.

Ottobre 2015

[PDF] 

Content 3